Obbligo di prestare servizio:
grande senso di responsabilità

Ammissioni e licenziamenti

Il 30,4 per cento dei civilisti ammessi nel 2020 (1596 civilisti) aveva già svolto la SR: al momento di presentare la domanda di ammissione erano già soldati formati. Continua quindi il calo delle domande inoltrate dopo l’adempimento della SR (2019: 33,1 %, ossia 2018 civilisti; 2018: 36,5 %, ossia 2264 civilisti). La percentuale di civilisti che hanno presentato domanda durante la SR è scesa dell’1,4 per cento, attestandosi al 13,9 per cento (731 civilisti). Il 55,7 per cento delle persone appena ammesse al servizio civile ha presentato domanda prima della SR (2019: 3139 civilisti, pari al 51,6 %).

Rispetto all’anno precedente, il numero totale di ammissioni è sceso del 13,7 per cento su base annua, attestandosi a 5254 ammissioni.

Momento della presentazione della domanda nel 2020

30.4 % domande di ammissione dopo la SR
98,7 % prestano tutti i giorni di servizio prima del licenziamento

Ammissioni

Anche nel 2020, nonostante la pandemia, l’Ufficio federale del servizio civile (CIVI) ha vigilato affinché venissero svolti tutti i giorni di servizio civile secondo quanto previsto dalla legge: ne è la prova la percentuale di civilisti licenziati con zero giorni di servizio rimanenti. La stragrande maggioranza dei civilisti continua dunque ad adempiere all’obbligo di prestare servizio con grande senso di responsabilità e pianificando in modo lungimirante. 4745 dei 4788 civilisti licenziati con procedura ordinaria il 31.12.2020 (99,1 %) hanno prestato tutti i giorni di servizio previsti (2019: 98,6 %).

Alla fine del 2020 c’erano in totale 53 748 civilisti (2019: 52 983). Il CIVI raccomanda di prestare i giorni di servizio il più presto possibile, in modo che non vi siano problemi negli anni successivi per motivi familiari o professionali o a causa di altri impegni. Molti seguono queste raccomandazioni: alla fine del 2020 più della metà dei civilisti (27 562, ovvero il 51,3 %; 2019: 49,3 %) aveva prestato tutti i giorni di servizio. Tuttavia, i civilisti che non devono più prestare giorni di servizio rimangono soggetti al servizio civile fino al licenziamento ordinario, in modo da poter essere chiamati per prestare un servizio civile straordinario in caso di catastrofe e di situazioni d’emergenza.

Scorrere verso l'alto